La Camera ha approvato il disegno di legge sulla legittima difesa. Venticinque deputati del M5S non hanno partecipato al voto. D’Uva: “Non ci sarà il Far West”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Camera ha approvato con 373 voti favorevoli, 104 contrari e 2 astenuti, il disegno di legge sulla legittima difesa. Dal 26 marzo il provvedimento, già passato in prima lettura a Palazzo Madama, tornerà di nuovo al vaglio del Senato per la terza lettura. Venticinque deputati del M5S non hanno partecipato al voto e altri 29 erano assenti giustificati per missione. “Che nessuno si metta in testa che con questa legge ci sarà il Far West. Ci sarà sempre un’indagine e spetterà sempre al giudice valutare la legittimità della difesa. Una cosa è certa: è compito delle forze dell’ordine tutelare i cittadini e la loro sicurezza. Con questa legge di sicuro i processi sulla legittima difesa saranno più veloci”, ha detto commentando il voto il capogruppo M5S alla Camera, Francesco D’Uva.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA