La Commissione regionale d’inchiesta sull’epidemia di Coronavirus in Lombardia è ancora bloccata. Manca il presidente

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La commissione d’inchiesta regionale in Lombardia sull’emergenza Covid-19 ancora non parte. Sembrerebbe assurdo ma, nonostante il prezzo pagato in Lombardia, ancora si cincischia sull’inizio dei lavori. Eppure ci sono state già due riunioni. Peccato, però, che in entrambi i casi non si sia riuscito a nominare il presidente: secondo le parole dei consiglieri pentastellati la colpa sarebbe dell’opposizione della maggioranza. Certamente, salvo altri colpi di scena, la presidenza dovrebbe andare o proprio a un Cinque stelle o ad un esponente del Partito democratico. Ma il centrodestra – e in primis la Lega – teme una presidenza troppo accusatoria nei confronti dell’operato della giunta. Intanto il tempo passa. La prossima riunione è fissata per martedì 26 maggio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA