La Corea del Nord alza la posta: “Pensiamo di far esplodere una bomba all’idrogeno nel Pacifico”. E Kim insulta Trump: “Un rimbambito e un bandito, la pagherà”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ancora tensioni fra Stati Uniti e Corea del Nord. Per bocca del suo ministro degli Esteri, Ri Yong Ho, Pyongyang ha infatti annunciato che il Paese “sta pensando di far esplodere una bomba all’idrogeno nel Pacifico”.

La minaccia è arrivata dopo il discorso pronunciato dal presidente americano Donald Trump alle Nazioni Unite, durante il quale il tycoon ha bollato la Nord Corea come il “flagello dei regimi canaglia”. Per Trump “la denuclearizzazione è l’unico futuro accettabile. Se ci attaccheranno non avremo altra scelta che distruggerli”, ha detto ancora dopo aver definito Kim Jong-un “Rocket Man”.

Le minacce del ministro degli Esteri sono arrivate dopo che lo stesso Kim aveva dichiarato di voler considerare il “livello più elevato e duro di contromisure” in risposta a Trump, definito “un rimbambito”, ma anche “una canaglia e un bandito” che “pagherà caro” per le sue minacce. Insomma, non finisce qui.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA