La Corte Costituzionale boccia il referendum sulla legge elettorale. Il quesito è inammissibile. Ennesimo flop di Salvini

dalla Redazione
Politica

La Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibile la richiesta di referendum elettorale – proposta da 8 Consigli regionali (Veneto, Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Abruzzo, Basilicata, Liguria) – “per l’assorbente ragione dell’eccessiva manipolatività del quesito referendario nella parte che riguarda la delega al Governo, ovvero proprio nella parte che, secondo le intenzioni dei promotori, avrebbe consentito l’autoapplicatività della ‘normativa di risulta’”.

L’oggetto della richiesta referendaria, su cui si è pronunciata oggi la Consulta, erano, in primo luogo, le due leggi elettorali del Senato e della Camera con l’obiettivo di eliminare la quota proporzionale, trasformando così il sistema elettorale interamente in un maggioritario a collegi uninominali. Per garantire l’autoapplicatività della “normativa di risulta” – richiesta dalla costante giurisprudenza costituzionale come condizione di ammissibilità dei referendum in materia elettorale – il quesito investiva anche la delega conferita al Governo con la legge n. 51/2019 per la ridefinizione dei collegi in attuazione della riforma costituzionale che riduce il numero dei parlamentari.

La sentenza sarà depositata entro il 10 febbraio. Oggi la Corte ha esaminato anche il conflitto fra poteri proposto da cinque degli stessi Consigli regionali promotori e lo ha giudicato inammissibile “perché, fra l’altro, la norma oggetto del conflitto avrebbe potuto essere contestata in via incidentale, come in effetti avvenuto nel giudizio di ammissibilità del referendum”.

“E’ una vergogna, è il vecchio sistema che si difende: Pd e 5stelle sono e restano attaccati alle poltrone. Ci dispiace che non si lasci decidere il popolo: così è il ritorno alla preistoria della peggiore politica italica” ha commentato il leader della Lega, Matteo Salvini.

“La bocciatura della Consulta parla chiaro: no a manipolazioni disperate sulla legge elettorale” commenta all’Ansa il presidente della commissione Affari Costituzionali della Camera, Giuseppe Brescia (M5S). “Chi voleva tensioni, palude e incertezza – aggiunge l’esponente pentastellato – oggi perde miseramente e abbaia alla luna. Andiamo avanti con ancora più coraggio nel cammino di riforme: una nuova legge elettorale sganciata da interessi di partito, la riforma dell’elettorato attivo e passivo del Senato che spero venga votata presto, fino al Referendum sul taglio dei parlamentari”.