La dolce vita del cinema italiano. Mediaset e Rai fanno a gara per finanziare i film. Grazie ai soldi registi e attori vivono un periodo d’oro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Non c’è solo Star Wars 7 per gli appassionati di cinema in questo Natale. Ci sono gli immancabili cinepanettoni che al box office fanno il pieno e almeno fanno ridere il pubblico. E poi soprattutto ci sono i listini del 2016 che sia Medusa sia RaiCinema hanno già reso noto. In pratica il grande schermo e tutto ciò che lo circonda è tornato a fare la dolce vita grazie agli investimenti delle aziende che fanno capo a Mediaset e alla Rai.
DE SICA CONTRO DI CAPRI
Quest’anno la sfida dei cinepanettoni verte tra il film delle solite storie intrecciate in luoghi esotici, ormai un classico, con le avventure di Christian De Sica e Massimo Ghini (che ha preso il posto di Massimo Boldi) firmati da Neri Parenti in collaborazione con Wildside e Medusa. Il titolo è Vacanze ai Caraibi, nel cast anche Angela Finocchiaro, Luca Argentero, Dario Bandiera e Ilaria Spada. Dall’altra parte la Filmauro di Aurelio De Laurentiis con un sorprendente Peppino di Capri nei panni del boss, autentica novità sotto l’albero. Natale col boss vanta un ottimo cast (Lillo e Greg, Paolo Ruffini e Francesco Mandelli) e ha il merito di rendere divertenti e simpatici perfino i camorristi. Ma oltre ai due classici cinepanettoni sul grande schermo durante il periodo natalizio ci sono pure Leonardo Pieraccioni e Checco Zalone (da Capodanno). Il primo veste i panni del professor Cenerentolo (distribuito da 01, la società della scuderia di RaiCinema). Il secondo, fiore all’occhiello di Medusa e di Pietro Valsecchi e Taodue, arriva nelle sale il primo gennaio. Titolo come sempre originale (Quo Vado?) e regia affidata a Gennaro Nunziante. Nel cast anche Maurizio Micheli e Lino Banfi.
I LISTINI
Il cinema italiano respira un’aria salutare grazie agli investimenti e alle distribuzioni che fanno capo alle aziende di Cologno e Viale Mazzini. I dati sfoggiati da Medusa fanno della società di Carlo Rossella e Giampaolo Letta la numero uno per gli incassi da box office (oltre 1 miliardo e 580 milioni di euro nei suoi vent’anni di vita) e come distributore. L’investimento totale nel cinema italiano è stato di quasi 1 miliardo di euro (circa 955 milioni), mentre l’investimento nel cinema straniero ha superato il mezzo miliardo (545 milioni). Dal 1995 al 2015 Medusa poi ha prodotto e distribuito 711 film di cui 313 pellicole italiane e 398 stranieri. Per il 2016 Medusa – oltre a Zalone – punta su Tiramisu (esordio alla regia di Fabio De Luigi), Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese (nel cast Marco Giallini, Valerio Mastandrea, Anna Foglietta, Edoardo Leo), Indivisibili di Edoardo De Angelis (la commovente storia di due gemelle nate unite fisicamente che il papà non vuole separare) e il divertentissimo, quanto patetico, Forever Young di Fausto Brizzi con Fabrizio Bentivoglio, Sabrina Ferilli, Teo Teocoli, Lillo e Stefano Fresi, Luisa Ranieri, Nino Frassica. E ancora The Pills Sempre meglio che lavorare di Luca Vecchi, On Air con Marco Mazzoli di Zoo 105 e Quel bravo ragazzo. Nel 2016 occhi puntati su Ficarra e Picone, Aldo Giovanni e Giacomo, Frank Matano (Tonno spiaggiato), Maccio Capatonda, Edoardo Ferrario. Spielberg guida i film internazionali distribuiti da Medusa con Il Gigante gentile. Da vedere anche Un momento di follia con Vincent Cassel e Deepwater Horizon con mark Wahlberg e Kurt Russell, tratto dalla storia vera dell’incendio della piattaforma petrolifera.
RaiCinema risponde con La Corrispondenza di Giuseppe Tornatore, Fai bei sogni di Marco Bellocchio, La pazza gioia di Paolo Virzì, Miami beach di Carlo Vanzina, La verità sta in cielo di Roberto Faenza, Che resti tra noi di Cristina Comencini tra gli italiani. Per quanto riguarda gli stranieri spiccano Quentin Tarantino e Martin Scorsese, rispettivamente con The Hateful Eight e Silence.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA