La doppia morale degli italiani sulla pubblica amministrazione. Il 50% la boccia, ma in 4 milioni cercano raccomandazioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La pubblica amministrazione funziona male. Ne è convinto il 50% degli italiani (percentuale che al Sud sale al 59%). E’ il quadro tracciato nella ricerca “La composizione sociale dopo la crisi” realizzata dal Censis. Oltre 800mila persone, inoltre, hanno fatto un regalo a dirigenti pubblici per avere in cambio un favore. E non è tutto. Gli italiani sembrano avere le idee chiare su come cambiare la Pa, ma 4,2 milioni di cittadini ammettono di essere ricorsi a una raccomandazione per ottenere un’autorizzazione o accelerare una pratica. Bocciato il precariato: l’antidoto alla crisi “è la creazione di nuovi posti di lavoro”. I dati rilevano la disaffezione verso la macchina burocratica statale che per il 63,5% degli intervistati non è cambiata e per il 21,5% è addirittura peggiorata. Solo l’1% degli italiani promuove a pieni voti la Pa.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA