La firma dell’Isis sull’attentato di Stoccolma. Il terrorista ammette: voleva sterminare gli infedeli

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sull‘attentato di Stoccolma c’è la firma dell’Isis. Rakhmat Akilov, l’uomo arrestato con l’accusa di essere il terrorista autore della strage, ha messo di aver agito con finalità jihadiste. “Ho investito degli infedeli per vendicare i bombardamenti occidentali”, ha detto, secondo quanto riportato la stampa svedese.

Tuttavia gli investigatori voglio comprendere se la pianificazione sia arrivata dai “vertici” dell’Isis o semplicemente l’attentatore si sia mosso da solo, senza una rete. “Le cose sono in evoluzione. Ci sono conversazioni in cui si parla di farsi giustizia da soli. Molti sono arrabbiati, si parla di vendetta e di violenza”, ha dichiarato il capo dell’intelligence svedese Anders Thornberg. Un dato è certo: l’uomo arrestato era stato colpito da un provvedimento di espulsione, perché non aveva i requisiti del rifugiato politico.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La bugia della destra e della sinistra

Piccola bussola per chi ha perso l’orientamento tra destra e sinistra, e ieri si è smarrito ancora di più vedendo Salvini difendere Renzi dalle polemiche sull’incontro carbonaro con lo 007 Mancini nella piazzola di un autogrill. A guardarli con gli occhiali del passato, destra e

Continua »
TV E MEDIA