La Giunta per le immunità del Senato nega l’autorizzazione a procedere nei confronti del ministro Salvini per il caso Diciotti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Giunta per le Immunità del Senato ha respinto la richiesta di autorizzazione a procedere avanzata dal tribunale dei ministri di Catania nei confronti del ministro dell’Interno Matteo Salvini, indagato per sequestro di persona aggravato per non aver fatto sbarcare, per 5 giorni, i 177 migranti che si trovavano a bordo della nave Diciotti.

I voti a favore della proposta del presidente della Giunta, Maurizio Gasparri, di negare l’autorizzazione a procedere, sono stati 16, 6 quelli contrari. I favorevoli sono i 4 senatori di Forza Italia (Gasparri, Malan, Modena e Paroli), i 4 della Lega-partito Sardo d’azione (Pillon, Tesei, Pellegrini, Augussori) Durnwalder del gruppo Autonomie, Balboni di FdI e i 6 esponenti del M5S (Giarrusso, Crucioli, Evangelista, Gallicchio, Riccardi, Urraro). I 6 contrari alla proposta sono i 4 senatori del Pd (Cucca, Rossomando, Ginetti e Bonifazi), Grasso di LeU e De Falco ex M5S ora al gruppo Misto. Ora la parola spetta all’aula del Senato che dovrebbe pronunciarsi intorno al 20 marzo.

Al termine della riunione della Giunta i senatori del Partito democratico hanno contestato il collega del M5S, Mario Michele Giarrusso, gridandogli “Onestà onestà onestà”. Il senatore pentastellato si è rivolto ai dem facendo il gesto delle manette e ai cronisti che gli chiedevano di replicare ha risposto: “Sono quelli che hanno i parenti arrestati”. “Mio padre e mia madre sono regolarmente a casa: altri sono ai domiciliari. E poi sono loro che parlano di onestà”, ha aggiunto Giarrusso.

“Sono molto soddisfatto del voto della giunta. I 5s Hanno voluto leggere il mio testo”, ha commentato Gasparri. “La discussione – ha aggiunto il presidente della Giunta – è stata orientata sull’importanza degli argomenti, è stato un dibattito serio e ricco di spunti. Si è discusso su quanto un governo ha realizzato un interesse preminente, su come interpretare le convenzioni internazionali. Noi stiamo anche creando giurisprudenza, un precedente per i governi futuri”.