La missione sui marò si trasforma in una gita. Tutti in visita al museo Ghandi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Perfetti

Siamo andati in India con una delegazione di parlamentari per un preciso scopo: fare pressioni al governo locale per la liberazione di due nostri soldati ingiustamente bloccati a Nuova Delhi da due anni con un’accusa che prevede la pena di morte. Ti aspetti che la politica si limiti a questa missione, quasi a volerla considerare una “missione di guerra”. E invece no. La missione si trasforma in una gita, con tanto di gradevole visita al museo. Un museo importante, per carità, ma non è questo lo spirito con cui si è partiti. Né questa l’immagine che si dovrebbe dare agli indiani. Non siamo lì per divertirci, per acculturarci, per visitare; siamo andati lì per battere i pugni sul tavolo. O almeno così credevano gli italiani. Invece stamattina  la casa dove Gandhi è stato ucciso a New Delhi, forse il luogo più simbolico di tutta l’India, è stata visitata dalla delegazione di parlamentari italiani accompagnati dall’ambasciatore Daniele Mancini. La missione, se così vogliamo chiamarla, è stata salutata da un gruppo di bambini che intonavano canti in omaggio al Mahtma. Foto di rito, gadget, ricordini. Alla faccia dei marò rinchiusi in una gabbia (dorata) come l’ambasciata.