La mossa di Silvio. Pronti a coalizione in cambio del Colle

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Siamo assolutamente a disposizione per un governo di coalizione che intervenga immediatamente con misure sull’economia largamente condivise. Restiamo in questa posizione di responsabilità e ci auguriamo che anche le altre forze politiche lo facciano anche per le richieste che ci vengono dall’Europa”. Lo ha detto il leader del Pdl, Silvio Berlusconi, al termine delle consultazioni per la formazione del nuovo governo con il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, al Quirinale.

“Restano due forze in campo, noi e il Pd, a cui incombe in questo momento la responsabilità di dare un governo al Paese – ha proseguito Berlusconi – siamo in una situazione di crisi profonda e servono interventi immediati sull’economia. Ieri attraverso Antonio Tajani abbiamo preparato un piano per le imprese e questo è già un punto importante. C’è un’esigenza assoluta di responsabilità, non è accettabile che ci sia una sola forza che prenda tutto”.

Infine i grillini: “Siamo stati ricevuti dal presidente della Repubblica: abbiamo esaminato i risultati elettorali che presentano tre forze ciascuna di pari consistenza. Abbiamo presente che una di queste forze non è disponibile a collaborare con le altre” ha concluso l’ex premier.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA