L’ecatombe di Londra: 79 tra morti e dispersi nell’inferno di cristallo. Ma per la Polizia il numero può aumentare ancora

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La polizia di Londra ha reso noto che sale a 79 tra morti e dispersi il bilancio dell’incendio alla torre di Londra. Ma non è tutto, perché “il numero delle vittime potrebbe aumentare ancora”.

Tra i 79 anche i due italiani Gloria Trevisan e Marco Gottardi. A comunicare la loro morte, venerdì scorso, l’avvocato della famiglia Trevisan, Maria Cristina Sandrin, contattato dalla Farnesina. “Chiediamo a questo punto che vengano spenti i microfoni e le telecamere su questa vicenda e che venga rispettato il dolore di queste due famiglie”, ha dichiarato il legale.

Gloria Trevisan, 27 anni di Camposampiero (Padova) e Marco Gottardi, 27 anni di San Stino di Livenza (Venezia), abitavano al 23esimo piano del grattacielo che è andato distrutto nell’incendio divampatosi nella notte tra mercoledì e giovedì. I due ragazzi, entrambi architetti, si erano trasferiti a Londra da appena tre mesi per motivi di lavoro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA