Lega, liberi tutti. Tosi alza il tiro: potrei dimettermi e candidarmi come governatore in Veneto se il consiglio federale non cambia idea

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il dado è tratto. La rottura tra Salvini e Tosi nella Lega è insanabile. A nulla è servito il faccia a faccia di ieri tra i due. Il segretario non concede aperture e chiude la porta in faccia a Tosi che nella serata di ieri aveva lasciato una porticina aperta qualora il consiglio federale avesse fatto un passo indietro rispetto al tentativo di commissariare la Liga veneta. Salvini tira dritto e a dargli forza anche il governatore della Lombardia, Roberto Maroni, che ha detto: “Il consiglio è sovrano. Non credo che Tosi faccia l’errore, di lasciare la Lega. Anzitutto per lui perché chi si mette fuori dalla Lega non va da nessuna parte e poi perché rischia far perdere Zaia alle elezioni regionali ed è incredibile. Quindi vediamo nei prossimi giorni”. In tutta risposta Tosi ha affermato: “Se il Consiglio federale non torna indietro forse mi dimetto e ‘liberi tutti’. E allora potrei candidarmi a governatore”.