I 220 miliardi di motivi che tengono la Lega e Salvini attaccati al governo Draghi

SALVINI GIORGETTI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ci sono 220 miliardi di buoni motivi che tengono la Lega e Matteo Salvini attaccati al governo Draghi. Per questo anche se Papeete Bis sarà, lo sarà quando (e se) i motivi si saranno esauriti.

I 220 miliardi di motivi che tengono la Lega e Salvini attaccati al governo Draghi

Il Fatto Quotidiano spiega oggi in un articolo a firma di Giacomo Salvini che la Lega, che mercoledì ha strappato con Draghi sul decreto riaperture facendo ritirare i ministri del Carroccio al momento del voto, per ora non ha intenzione di uscire dall’esecutivo. E il motivo risiede in quel PNRR che il governo deve presentare entro il 30 aprile. E sulla possibilità di incidere su una spesa che sarà in buona parte destinata al Nord.

“Anche perché – confida chi in queste ore ha parlato col segretario – né i nostri elettori del nord, né gli amministratori capirebbero uno strappo adesso, dopo soli due mesi”. Per questo ora la Lega di lotta e di governo ha due volti. Il primo è quello del segretario Salvini. Il secondo è quello del ministro dello Sviluppo Giancarlo Giorgetti. Il primo va a urlare la sua indignazione tra social network, conferenze stampa, note da passare alle agenzie. Il secondo lavora sui dossier. E in particolare su uno: il Recovery Plan.

Raccontano che il ministro dello Sviluppo economico, che fa da collante tra la pancia della Lega e Draghi,  vada in giro con una cartellina con tutti i progetti a cui la Lega è più interessata che saranno inseriti nel Piano. Soprattutto perché sono quelle opere che gli amministratori del Carroccio chiedono da anni. La ricognizione è stata fatta giovedì sera nell’ufficio di Salvini al Segnato con Giorgetti, i sottosegretari Durigon (Tesoro), Morelli (Infrastrutture) e Gava (Transizione ecologica) e il responsabile economico Bagnai.

Le opere nel Pnrr che interessano alla Lega

La Lega chiede di modificare il piano e aggiungere altre opere “richieste dai territori”. 13 miliardi per l’Alta velocità, di cui ben 8 al Nord inserite nei corridoi europei tra cui la Milano-Venezia, la Liguria-Alpi e la Verona-Brennero, nonché i collegamenti con i porti di Genova e Trieste. Poi ci sono i 5,3 miliardi sulla banda ultralarga e il 5G su cui Giorgetti, insieme al ministro Vittorio Colao, sta lavorando da settimane.

E poi ci sono due riforme su cui la Lega punta molto: le semplificazioni (il Carroccio chiede di eliminare il codice degli appalti) e quella  ella giustizia civile e penale su cui Salvini si sta battendo da settimane in chiave garantista.

Leggi anche: L’Italia non è come la Bce. Lezione dell’Economist ai media zerbino di Draghi

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA