La Lega secondo i primi exit poll è al primo posto alle elezioni europee. Il Partito Democratico sorpassa i Cinque Stelle

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dai primi exit poll la Lega risulta al primo posto alle elezioni europee, seguita dal Partito Democratico. Per gli exit poll della Rai, curati dal Consorzio Opinio Italia, il partito di Matteo Salvini conquista una ‘forchetta’ tra il 27 e il 31%. Al secondo posto, il Pd con il 21-25% e sorpassa quindi il M5s che è dato al 18,5-22,5%. Segue Forza Italia con 8-12% e FdI con 5-7%.

Secondo i dati di exit tecne per Matrix (Mediaset), Carroccio in pole position tra il 26 e il 30%; il M5S si colloca tra il 18,5 e il 22,5%, il Pd tra il 20,5 e il 24,6%. Forza Italia sarebbe tra l’8 e l’12%, mentre Fdi tra il 4 e il 7%.

Lega in pole position tra il 26,5 e il 29,5% anche secondo i dati dei multi poll di Swg per La7. Il M5S si colloca tra il 20 e il 23%, il Pd tra il 21 e il 24%. Forza Italia sarebbe tra il 9 e l’11%, mentre Fdi tra il 5 e il 7%. Infine gli Instant Poll per Skytg24, la Lega e’ tra il 27 e il 30%, il Pd è tra il 21,5% e il 24,5% e il M5S fra il 20% e il 23%.

“Una sola parola: GRAZIE Italia!”, ha scritto Salvini su Twitter commentando i primi exit poll e postando anche una foto con un cartello scritto a penna dove si legge “1/o partito in Italia, grazie”.  Fonti del M5S fanno sapere che i primi commenti arriveranno solo dopo i primi dati reali, almeno la metà del campione delle proiezioni. “Stando ai primi exit poll, stiamo cauti, ma il Pd ottiene un risultato importante” ha detto il vicesegretario del Pd, Andrea Orlando, dalla sede nazionale al Nazareno.

“Un anno – ha aggiunto l’esponente dem – fa si parlava della fine del bipolarismo tra centrodestra e centrosinistra, l’estinzione di un partito, ma ora non sembra così. Un anno fa tra noi e M5S c’erano oltre 10 punti di scarto, oggi stiamo discutendo chi è primo o secondo. Il Pd è in campo, sappiamo che dobbiamo ancora cambiare molto, ma il Partito Democratico c’è – ha concluso Orlando -. Se questi fossero i voti c’è un crollo del M5S”.