Legge elettorale, la riforma alla Camera a dicembre. Tiene l’intesa di massima: niente uninominale né proporzionale puro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tiene l’intesa giallorossa. Dopo il taglio dei parlamentari fortemente voluto dal M5S, le diverse forze politiche che compongono il Governo Conte 2 stanno procedendo con la nuova legge elettorale, uno dei paletti posti fin dall’inizio dal Pd per aderire al taglia-poltrone. Ieri, dopo una riunione di due ore alla Camera, è stata fissata così una roadmap con l’obiettivo di portare un testo in discussione a Montecitorio entro il mese prossimo.

“Abbiamo condiviso un calendario con due incontri nelle prossime due settimane, con l’obiettivo di incardinare la legge elettorale in Commissione alla Camera tra il 16 e il 20 dicembre”, è stato precisato in una nota congiunta diffusa al termine dell’incontro, a cui hanno preso parte il ministro per i rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà (nella foto), il capogruppo dem al Senato, Andrea Marcucci, i parlamentari dem Dario Parrini e Stefano Ceccanti, i capigruppo di Leu, Federico Fornaro e Loredana De Petris, gli onorevoli pentastellati Gianluca Perilli e Anna Macina, e il deputato Marco Di Maio, di Italia Viva.

In base alla nuova legge elettorale alcune forze politiche rischiano di scomparire e l’attenzione attorno alla norma è dunque altissima. L’obiettivo dichiarato è quello di l’obiettivo “incrementare le garanzie di rappresentanza democratiche, assicurando il puralismo politico e territoriale”. Come raggiungerlo? Al termine dell’incontro di ieri è stato assicurato evitando soluzioni fondate su collegi uninominali maggioritari e modelli proporzionali senza correttivi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA