Legge Severino, sulle incandidabilità non decide il Tribunale amministrativo ma il giudice ordinario. De Luca ora rischia grosso

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A vigilare sulla legge Severino in materia di incandidabilità ed eleggibilità sarà il giudice ordinario e non il Tribunale amministrativo. La decisione della Cassazione è arrivata dopo una brevissima camera di consiglio. Risulta più chiaro adesso anche il quadro in vista delle regionali. Dove c’è il caso più spinoso rappresentato dal candidato governatore per il Pd in Campania, Vincenzo De Luca, condannato per abuso d’ufficio, dichiarato decaduto dal prefetto e, poi, rimesso in sella proprio dal Tar. Le motivazioni dovrebbero arrivare a breve, probabilmente prima delle elezioni regionali. Ma la decisione della Suprema Corte sottrae alla giustizia amministrativa i ricorsi contro la decadenza da incarichi pubblici. De Luca è avvertito: potrebbe essere subito sospeso.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA