Leonardo Iaccarino: il consigliere arrestato per corruzione a Foggia aveva sparato con una pistola dal balcone a Capodanno

leonardo iaccarino 1
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Leonardo Iaccarino, ex presidente dell’assemblea municipale di Foggia, è uno dei due consiglieri comunali arrestati questa mattina dalla Polizia di Stato, in esecuzione di una misura cautelare emessa dall’autorità giudiziaria, con le accuse di corruzione e peculato. Subito dopo le polemiche e le critiche ricevute a seguito del video pubblicato sui social in cui il massimo rappresentante dell’assise esplodeva colpi d’arma di pistola caricata a salve, dal balcone di casa durante i festeggiamenti del capodanno, aveva annunciato le sue dimissioni.

Leonardo Iaccarino: il consigliere arrestato per corruzione che aveva sparato con una pistola dal balcone di casa a Capodanno

Poi le aveva ritirate ma l’assemblea lo ha sfiduciato ai primi di febbraio rimuovendolo dalla carica. Nel video l’uomo era insieme al figlio minorenne. Iaccarino, di professione vigile del fuoco, eletto due anni fa nelle fila di Forza Italia, era poi diventato indipendente. L’altro consigliere comunale arrestato è Antonio Capotosto, anche lui eletto con la maggioranza che sostiene il sindaco di Foggia Franco Landella. Iaccarino è stato portato in carcere mentre il suo collega si trova agli arresti domiciliari. Una terza persona coinvolta nelle indagini, un imprenditore, ha ricevuto la notifica della misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Dalle indagini, svolte dalla squadra mobile, dalla Digos e dal Servizio Centrale Operativo, sotto il coordinamento della Procura di Foggia, sarebbe emerso che Iaccarino in cambio di denaro ed altra utilita’, avrebbe favorito, compiendo un atto contrario ai doveri d’ufficio, l’imprenditore foggiano nella liquidazione di una somma di denaro che vantava nei confronti del Comune di Foggia per la fornitura di prodotti fitosanitari necessari per l’attività dell’azienda agricola comunale “Masseria Giardino”.

Iaccarino: l’arresto e il video di Capodanno

Sono emersi, inoltre, gravi indizi di colpevolezza nei confronti dei due consiglieri comunali che hanno tentato di indurre un imprenditore foggiano a versare una somma di denaro di circa 20.000 euro per ottenere l’approvazione di una delibera comunale a favore di una società riconducibile al medesimo imprenditore. Con Iaccarino (finito in carcere) è stato arrestato anche il consigliere Antonio Capotosto (ai domiciliari). Mentre per un imprenditore è scattato l’obbligo di firma. Per tutti le accuse, a vario titolo, sono di corruzione, tentata induzione indebita e peculato.

Iaccarino è ritenuto responsabile anche di una serie di peculati, essendosi in più occasioni, nell’arco di poco più di tre mesi, appropriato di denaro di cui aveva la disponibilità per ragioni del suo ufficio e che destinava all’acquisto di beni per sé. Ancora in corso le indagini per verificare ulteriori ipotesi di reato collegate e il coinvolgimento di altri soggetti nelle condotte delittuose. Dallo scorso 9 marzo, inoltre, nel Comune di Foggia si è insediata la Commissione di accesso inviata dal Viminale per accettare eventuali pressioni da parte della criminalità organizzata nell’attività amministrativa.

Leggi anche: Il padre della ragazza di Campobello di Mazara accusa la figlia e difende gli accusati di stupro: “Sono bravi ragazzi”