L’Isis e l’ultimo attentato a Rouen. La guerra del terrorismo a schegge che tocca tutti. Anche noi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Forse è la prima volta che François Hollande dice una cosa sensata da parecchi mesi a questa parte: la Francia è in guerra. Certo, il presidente dovrebbe anche ammettere un altro fatto: il suo Paese sta riportando una serie inquietante di sconfitte. Perché se l’attacco a Rouen, in cui è stato sgozzato un sacerdote, era difficile da evitare, a Nizza è andato in onda il festival dell’impreparazione. Lo ha svelato il quotidiano Libération, squarciando il velo di ipocrisia del clima di unità nazionale che vieta ogni critica. Finendo per favorire proprio i terroristi, abili a sfruttare le maglie larghe della sicurezza.

Ma la guerra di cui parla Hollande è anche la nostra. Dell’Occidente e quindi anche dell’Italia. Perché è un conflitto quotidiano dai contorni indefiniti. Anche noi giornalisti finiamo nella trappola di non capire quando si tratta di una strage della follia, come a Monaco di Baviera venerdì scorso, o quando alle spalle c’è l’ispirazione – anche solo ideologia – del terrorismo islamico, che ha trovato nel nero dell’Isis la sua bandiera. È una guerra di un terrorismo composto da piccoli pezzi. Schegge che partono e uccidono. Alla cieca.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA