L’Italia ha incensato Macron. Ma il presidente francese per prima cosa va in Germania dalla Merkel, fresca di vittoria

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il grande elogio italiano a Emmanuel Macron non ha portato grandi risultati. Il presidente francese, il giorno dopo il suo insediamento, non è andato per il sottile: ha nominato il primo ministro, Edouard Philippe (sindaco di Le Havre), e ha deciso di volare in Germania per incontrare la cancelliera Angela Merkel, ancora gongolante per il trionfo delle elezioni in Nord Reno-Westfalia. Il suo progetto è chiaro: riportare Parigi all’altezza di Berlino come importanza nell’Unione europea, ricostruendo il vecchio asse che sotto la presidenza di Hollande si è incrinato. Perché i tedeschi hanno preso il sopravvento sui francesi privi di una leadership forte, che aveva perso smalto dopo poche settimane. Una cartolina che arriva a Roma, dove però i destinatari non sembrano aver ben compreso la portata del cambiamento.

L’Italia, infatti, ricopre il ruolo di sempre: marginale. Anzi diventa quasi un peso per i padroni del vapore europeo, visto che la situazione continua a essere difficile con il debito pubblico che ha sfondato un altro tetto e il Pil che cresce a rilento. E le stime per il futuro non consentono di dormire sonni tranquilli, visto che – tanto per non farsi mancare nulla – la legge elettorale potrebbe consegnare un sistema difficile da governare. Insomma, Matteo Renzi, grande sostenitore di Macron, è uscito a mani vuote: deve accontentarsi di Barack Obama. Certo, il presidente del Consiglio in carica è Paolo Gentiloni. Ma anche a Parigi sarà arrivata la notizia che l’Esecutivo di Roma ha un premier ombra, che ambisce a imitare il modello dell’Emmanul d’Oltralpe. Mentre quello originale, appena assunto l’incarico di presidente, ha iniziato a fare gli interessi del suo Paese. Così come – nel mezzo dell’euforia per la vittoria di Macron – avevano sottolineato gli osservatori più avveduti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA