L’Ucraina al buio. Zelensky: “Gli impianti colpiti quasi ogni giorno”

Putin ammette che sta attaccando le infrastrutture energetiche dell'Ucraina: "Lo stiamo facendo. Ma chi ha iniziato?".

L’Ucraina è al buio. In molte regioni marca l’energia elettrica a causa degli attacchi russi. Solo a Odessa oltre un milione di persone sono senza luce.

L’Ucraina al buio. Zelensky: “Gli impianti colpiti quasi ogni giorno”

Putin ammette che sta attaccando le infrastrutture energetiche dell’Ucraina: “Lo stiamo facendo. Ma chi ha iniziato?”

Il presidente russo, Vladimir Putin, ammette che gli attacchi di Mosca si stanno concentrando contro le infrastrutture energetiche dell’Ucraina, ma rilancia: “Sì, lo stiamo facendo. Ma chi ha iniziato?”. “Chi ha colpito il ponte di Crimea? – ha chiesto il presidente russo, facendo una lista dei raid attribuiti a Kiev – Chi ha fatto saltare in aria le linee elettriche all’impianto nucleare di Kursk?”.

Zelensky: “La situazione nella regione di Odessa è molto difficile. Gli impianti energetici vengono colpiti quasi ogni giorno”

“La situazione nella regione di Odessa è molto difficile. Dopo l’attacco notturno dei droni iraniani, Odessa e altre città e villaggi della regione sono al buio. Finora, più di un milione e mezzo persone a Odessa sono senza elettricità. Solo le infrastrutture critiche sono connesse e nella misura in cui è possibile fornire elettricità”. È quanto ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, in un videomessaggio postato su Telegram.

“In generale – ha aggiunto Zelensky -, continuano in diverse regioni le interruzioni di corrente. Quasi ogni giorno in diverse regioni ci sono bombardamenti, ci sono attacchi missilistici, attacchi di droni. Gli impianti energetici vengono colpiti quasi ogni giorno”. Il presidente ucraino ha invitato i cittadini a ridurre il consumo di elettricità.

Kiev cerca generatori, batterie, gruppi di continuità e apparecchiature elettriche

In considerazione della difficile situazione nel settore energetico, all’inizio di novembre il Governo dell’Ucraina ha ampliato l’elenco delle merci che possono essere importate senza il pagamento dei dazi all’importazione e dell’Iva. Si tratta di generatori, batterie, altri Ups e apparecchiature elettriche, che dovrebbero aiutare gli ucraini a superare le conseguenze degli attacchi al sistema energetico ucraino.

Dalla Norvegia 100 milioni di dollari per ripristinare il sistema energetico ucraino

La Norvegia ha stanziato 100 milioni di dollari per ripristinare il sistema energetico ucraino colpito dagli attacchi russi:. Ad annunciarlo su Twitter è stato lo stesso presidente ucraino Zelensky: “Siamo grati ai nostri partner norvegesi per aver fornito 1 miliardo di corone norvegesi, ovvero 100 milioni di dollari, per il ripristino della nostra infrastruttura”. La Norvegia ha già fornito a Kiev circa 15 milioni di dollari per addestrare i militari ucraini. Il Ministero della Difesa di Oslo ha riferito che nel 2023 intende raddoppiare il numero di istruttori militari per le truppe ucraine, da 75 a 150.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 15:12
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram