L’ultima trincea di Alfano. Subito gruppi unitari con Zanetti e i verdiniani. I tosiani scelgono Berlusconi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il giorno dopo l’addio al Governo del ministro per gli Affari regionali, Enrico Costa, la galassia centrista è in fibrillazione. Il rischio di restare in mezzo al guado, col leader di Forza Italia Silvio Berlusconi tornato a dare le carte e dettare i tempi di ingresso dei parlamentari delusi dal progetto del Nuovo Centrodestra (Ncd), è troppo grande. Soprattutto quando mancano pochi mesi alle elezioni. Così ieri mattina, secondo quanto appreso da La Notizia, alla Camera c’è stato un incontro al quale hanno partecipato – fra gli altri – l’ex viceministro dell’Economia, Enrico Zanetti (Scelta Civica-Ala), e il capogruppo di Alternativa popolare a Montecitorio, Maurizio Lupi. Sul tavolo, l’ipotesi di accelerare il processo di creazione del nuovo polo centrista, liberale e moderato intavolato ad aprile e rimasto sostanzialmente congelato. Perciò “a breve” – rivelano fonti di entrambi gli schieramenti – sarà posato il primo mattone, ovverosia l’unificazione delle rispettive pattuglie parlamentari.

Pallottoliere – Alla Camera gli alfaniani contano 25 deputati mentre gli zanettian-verdiniani si fermano a 15. Totale: 40. Al Senato l’operazione coinvolgerà pure Pier Ferdinando Casini e i suoi Centristi per l’Europa, comunque già nel gruppo con gli alfaniani capeggiato da Laura Bianconi. A Palazzo Madama le cifre sono più o meno le stesse. In sostanza, i senatori coinvolti saranno 39, 25 quelli di Alternativa popolare e 14 quelli di Ala-Scelta Civica. Della partita, sempre secondo le indiscrezioni raccolte da La Notizia, non farà parte Fare!, il movimento dell’ex sindaco di Verona, Flavio Tosi.

Meglio Silvio – Ieri Tosi ha rilasciato un’intervista al Corriere nella quale, sostanzialmente, ha annunciato di voler guardare più a Berlusconi che alla triade Alfano-Casini-Zanetti. “Io ero, sono e sarò sempre di Centrodestra – ha detto –. Anzi, più di destra che di centro. A livello nazionale, pertanto, è naturale che Fare! si collochi in questo schieramento”. E poi “il catalizzatore del Centrodestra è Berlusconi”. Chiaro no? Con Tosi, oltre a Costa, ci sarà anche il segretario dell’Udc, Lorenzo Cesa.

Tw: @GiorgioVelardi