Non solo Giachetti nasconde le insegne del Pd. Pure al comitato elettorale di Marchini non c’è traccia dell’alleanza con Forza Italia. E lo slogan resta liberi dai partiti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Liberi dai partiti”, era il motto di Alfio Marchini all’inizio della campagna elettorale per il Campidoglio. Poi, un bel giorno, Arfio ha deciso di scendere a patti col Cavaliere. Tanto da accettare il sostegno di Forza Italia e di Silvio Berlusconi nella corsa alle comunali di Roma. Così, con gli azzurri al suo fianco (visto che hanno preferito lui alla Meloni dopo aver scaricato il loro ex candidato sindaco Guido Bertolaso), Arfio ha visto saltare in area anche il suo motto. E tutti i manifesti su cui campeggiava il motto “Liberi dai partiti”. Manifesti elettorali che hanno scatenato l’ironia sulla rete e la necessità di sostituirli al più presto. Tutti spariti, tranne uno. Perché passando in via Antonio Salandra davanti il suo comitato abbiamo immortalato bello in evidenza dalla strada lo storico manifesto elettorale ancora esposto (nella foto). Una domanda sorge spontanea: al Comitato elettorale di Marchini pensano ancora di essere liberi dai partiti? Ah, saperlo. Un marchio abbastanza imbarazzante visto che Marchini si era presentato proprio come candidato libero e indipendente.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA