Mattarella simbolo dei valori veri. E lo coprono di insulti. Ma il presidente continua a rappresentare la migliore bussola per il Paese

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A ricordare ancora una volta i veri valori su cui si fonda la Repubblica anche ieri è stato il Presidente Sergio Mattarella, che ha deposto una corona di fiori all’altare della Patria, si è recato in visita a Codogno, prima zona rossa d’Italia durante l’emergenza coronavirus e infine di nuovo a Roma ha preso parte al concerto organizzato nel cortile dell’ospedale Spallanzani. Un evento quest’ultimo promosso dal presidente della Regione Lazio e segretario del Pd, Nicola Zingaretti, per ricordare le vittime della pandemia e rendere omaggio agli operatori sanitari impegnati nell’emergenza sanitaria.

“Mi limito a sottolineare – ha dichiarato Mattarella – il significato di questa iniziativa e di questo appuntamento: il ringraziamento per lo Spallanzani, per i suoi medici, per tutto il suo personale, per i ricercatori, per tutto quanto qui si svolge, che in questo momento riceve una maggiore attenzione ma che è importante anche nei momenti di minor attenzione ed è prezioso per il nostro paese”.

Un presidente che continua a rappresentare la migliore bussola per il Paese soprattutto nei momenti di maggiore difficoltà e che si è rivelato determinante anche per far cambiare linea all’Europa del fallace rigore. Un Capo dello Stato che in pieno lockdown con la sua presenza, compiendo riti in piazze tristemente deserte, e parlando agli italiani con quella forza d’animo che lo contraddistingue, ha saputo infondere coraggio e ridare speranza.

Ma proprio ieri al presidente Mattarella sono stati lanciati insulti ignobili insulti dai gilet arancioni e, in parte, dalla piazza del centrodestra. Con un militante che è arrivato a dire: “La Mafia ha ucciso il fratello sbagliato”. Attacchi quest’ultimi da cui Giorgia Meloni e Matteo Salvini hanno preso subito le distanze. Parole immediatamente criticate con forza anche dal presidente della commissione parlamentare antimafia, il pentastellato Nicola Morra.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA