Messi in salvo i due scalatori spagnoli. Da tre giorni aggrappati alle Cime di Lavaredo rifiutavano i soccorsi credendo di essere quasi arrivati in vetta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono stati recuperati con l’elicottero e portati al sicuro, nel pomeriggio di oggi, i due alpinisti spagnoli bloccati da tre giorni lungo una parete sulle Tre Cime di Lavaredo. L’intervento di recupero, compiuto a 2.750 metri di quota, è stato effettuato dall’equipaggio di un elicottero dell’Aiut Alpin Dolomites di Bolzano, sfruttando un momentaneo varco nella nebbia. I due scalatori hanno spiegato ai soccorritori di aver rifiutato volontariamente due volte il soccorso perché convinti, erroneamente, di essere arrivati a un passo dalla vetta. In realtà mancava ancora un’ottantina di metri, anche abbastanza impegnativi. L’elicottero è riuscito nella difficile manovra di avvicinamento alla parete della Cima ovest dove ha sbarcato il tecnico del Soccorso alpino che li ha raggiunti e fatti spostare in un punto più agevole per l’imbarco, avvenuto subito dopo. I due alpinisti, 45 anni lui e 36 lei, di Barcellona, si trovano ora al Rifugio Auronzo e stanno bene.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA