Messi in salvo i due scalatori spagnoli. Da tre giorni aggrappati alle Cime di Lavaredo rifiutavano i soccorsi credendo di essere quasi arrivati in vetta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono stati recuperati con l’elicottero e portati al sicuro, nel pomeriggio di oggi, i due alpinisti spagnoli bloccati da tre giorni lungo una parete sulle Tre Cime di Lavaredo. L’intervento di recupero, compiuto a 2.750 metri di quota, è stato effettuato dall’equipaggio di un elicottero dell’Aiut Alpin Dolomites di Bolzano, sfruttando un momentaneo varco nella nebbia. I due scalatori hanno spiegato ai soccorritori di aver rifiutato volontariamente due volte il soccorso perché convinti, erroneamente, di essere arrivati a un passo dalla vetta. In realtà mancava ancora un’ottantina di metri, anche abbastanza impegnativi. L’elicottero è riuscito nella difficile manovra di avvicinamento alla parete della Cima ovest dove ha sbarcato il tecnico del Soccorso alpino che li ha raggiunti e fatti spostare in un punto più agevole per l’imbarco, avvenuto subito dopo. I due alpinisti, 45 anni lui e 36 lei, di Barcellona, si trovano ora al Rifugio Auronzo e stanno bene.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA