Né peste né colera, il ballottaggio in Francia a rischio astensione con l’hashtag #SansMoiLe7Mai. La vittoria di Macron non così scontata

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La vittoria di Emmanuel Macron al ballottaggio delle presidenziali in Francia non è così scontata. Già nel giorno dopo del primo round aggiudicato dall’ex ministro dell’Economia, infatti, ha preso forma una sorta di movimento astensionista. Che si è ritrovato nell’hashtag #SansMoiLe7Mai, ossia “senza di me il 7 maggio (giorno del secondo turno)”. Una degli utenti ha sintetizzato che non voterà né peste né colera, lasciando intendere la considerazione degli aspiranti presidenti Macron e Marine Le Pen.

Elezioni Francia astensione

I seggi al secondo turno saranno in gran parte disertati dagli elettori della sinistra radicali di Jean-Luc Mélenchon, che non ha preso una posizione lasciando libertà ai proprio sostenitori. E di sicuro non è un vantaggio per il fondatore del movimento En Marche: quel bacino elettorale del 19% gli avrebbe garantito un margine di sicurezza rispetto all’avversaria.

C’è chi, invece, al posto di usare metafore di malattia la mette su un piano più politico: tra il razzismo e la xenofobia della Le Pen e l’ultra liberismo di Macron, preferisce l’astensione.  Il segnale è quello di un’indignazione manifestata attraverso il rifiuto della partecipazione, in quanto le scelte 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra i 5S e il ponte

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA