Negoziati Russia Ucraina, Luigi Di Maio insiste per far riprendere le trattative: “Il Papa ci sprona al dialogo per la pace”

Negoziati Russia Ucraina, Luigi Di Maio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Negoziati Russia Ucraina, Luigi Di Maio è intervenuto in un paio di interviste per commentare il conflitto e aggiornare i piani dell’Italia rispetto al proseguo della guerra.

Negoziati Russia Ucraina, Luigi Di Maio insiste per far riprendere le trattative

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a ’Oggi è un altro giorno’ su Rai 1, è intervenuto parlando a proposito dei negoziati di pace tra Russia e Ucraina: “Il Santo Padre ci sta spronando a continuare su una strada del dialogo per la pace, che è quello che fa la diplomazia”. Aggiungendo che “ogni giorno lavoriamo per creare i corridoi umanitari, ma anche per muovere a tutte le iniziative per arrivare ad un cessate il fuoco locale, poi quello generale e poi ad una conferenza di pace. Continueremo a farlo. Sono d’accordo con il Papa, non c’è nient’altro che una soluzione diplomatica e di pace”.

Di Maio: “La Pasqua ortodossa occasione del cessate il fuoco”

Il Ministro degli Esteri luigi Di Maio è intervenuto anche in un’intervista a Radio 24 a proposito sempre del conflitto in Ucraina. “Speriamo che almeno la Pasqua ortodossa, che cade una settimana dopo la nostra, possa essere un’occasione per convincere i russi ad un cessate il fuoco. Ci stiamo lavorando perché è l’unica strada per evacuare dall’est dell’Ucraina – dove gli attacchi si stanno intensificando – i civili, svuotare gli orfanotrofi, mandare via i bambini, via dalle bombe russe”.

Saranno giorni di lavoro per il Ministro degli Esteri: “Passeremo la Pasqua anche lavorando per riportare l’ambasciatore italiano a Kiev in sicurezza. Subito dopo Pasqua sarà pienamente operativa e sarà un altro segnale per dire siamo vicini alle istituzioni ucraine”.
Il Ministro ha commentato anche le stragi in Ucraina: “L’Italia non ha gli elementi per verificare se in Ucraina stia avvenendo un genocidio, ma le atrocità sono sotto i nostri occhi, come i bambini uccisi e i civili uccisi. Abbiamo sollecitato la Corte internazionale. Ci aspettiamo un intensificarsi del conflitto a est dell’Ucraina”.

Infine,dobbiamo fermare l’escalation, fermare la guerra in Ucraina. Bisogna far ripartire il processo di dialogo tra Ucraina e Russia. Zelensky ha fatto delle aperture importanti, ora è Putin che deve parlare”.

Leggi anche: Guerra in Ucraina, Di Maio: “Lavoriamo con la Turchia per favorire il dialogo. Le minacce non fermeranno l’azione del governo”