Nel mare sventola Bandiera Blu. Sale il numero di spiagge premiate: da 293 a 342. Liguria resta il top

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Checché se ne dica, le spiagge e il mare italiano continuano a prendersi belle soddisfazioni. E così cresce la mole di spiegge premiate con la Bandiera Blu.

Quest’anno, infatti, il numero di spiagge, comuni e approdi con la Bandier Blu è passato da 293 a 342, con il podio che vede nuovamente in cima la Liguria (27, di cui 13 nella sola provincia di Savona), la Toscana (19) e le Marche (17). Il riconoscimento di certificazione della qualità ambientale delle località rivierasche della Foundation for Environmental Education (Fee), giunto alla 30ma edizione, è andato a 163 Comuni (nel 2016 erano stati 152) e 67 approdi turistici.

Per quanto riguarda i laghi, da segnalare il record del Trentino-Alto Adige che ha raddoppiato con 10 bandiere (entrano Baselga di Pinè, Bedollo, Bondone, Lavarone d Sella Giudicarie); e poi Piemonte (2) e la Lombardia (1).

Fra i Comuni marini “new entry” ci sono Camogli e Bonassola in Liguria, Giulianova e Roseto degli Abruzzi in Abruzzo, Roseto Capo Spulico e Soverato in Calabria, Sapri in Campania, Santa Teresa di Riva in Sicilia.

I 32 criteri considerati per assegnare le bandiere blu riguardano la gestione sostenibile del territorio, quindi spazi verdi, piste ciclabili, servizi agli stabilimenti balneari. Grande soddisfazione è stata espressa dal governatore della Liguria, Giovanni Toti, per il quale “questo importante riconoscimento dimostra che la Liguria è sempre più da record, protagonista del turismo italiano e internazionale”. I segnali di crescita ci sono tutti: oltre alla Bandiera blu e alle bellezze naturalistiche della costa e dell’entroterra, anche l’offerta turistica e i numeri che si sono registrati nel corso dei passati ponti primaverili”, ha osservato.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA