Berlusconi soffre lo stress. Stop alla campagna elettorale per il Cav. Ma lui rilancia: “Vi farò vedere i sorci verdi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Silvio Berlusconi almeno per ora dovrà rinunciare alla campagna elettorale. E ora nel partito inevitabilmente cresce la preoccupazione.

Tutta colpa, dicono nell’entourage azzursso, di un affaticamento prolungato e una serie di sbalzi pressori negli ultimi giorni, che hanno costretto lo staff dell’ex presidente del Consiglio a cancellare anche la partecipazione di stasera a Porta a Porta. Era già successo domenica con In 1/2 ora di Lucia Annunziata. In quel caso si era parlato di impegni legati alla fase finale di stesura delle liste.

Sta di fatto che l’ultima apparizione pubblica dell’ex premier risale alla puntata di Matrix di una settimana fa. In queste ore a Villa San Martino i medici e i collaboratori stanno valutando il ricovero dell’ottantunenne Berlusconi, reduce dall’intervento al cuore di due anni fa, in una clinica del circuito San Raffaele.

Il diretto interessato, però, smentisce. E al telefono con l’agenzia Ansa dice da villa San Martino: “Sto benissimo”. Poi, raggiunto sempre al telefono dal Corriere della Sera, rilancia: “Il nonno sta benissimo! E farà vedere i sorci verdi a tutti!”

Quindi la terza dichiarazione, affidata a Matrix che la manderà in onda in serata ma la diffonde subito dopo la notizia sulle cattive condizioni di salute dell’ex premier: “Mi spiace di deludere i nostri competitori – le parole di Berlusconi – ma io sto bene davvero e mi sono preso due giorni di sosta, dopo 5 giorni da 17 ore al giorno di lavoro per la composizione delle liste elettorali. Giorni difficili stressanti e dolorosi, ma adesso riprendiamo la campagna elettorale. Giorni pieni di tensioni, di dubbi, ripensamenti e decisioni difficili, con il dispiacere, il dolore di dover deludere tante aspettative”

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA