Non c’è solo il velista dei 5Stelle. Ecco gli altri onorevoli assenteisti. La Brambilla presente una volta su 220 sedute. Non si vedono mai neppure Ghedini e Romani

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il caso, a quattro mesi dall’insediamento delle Camere, è scoppiato con l’ex skipper e parlamentare M5s Andrea Mura che pare abbia perso la rotta: finora – dati OpenPolis alla mano – si è visto in Aula 8 volte su un totale di 220 sedute. “L’attività politica – si è giustificato – non si svolge solo in Parlamento. Si può svolgere anche su una barca”. Magari parlando a pesci e alghe. Una spiegazione grottesca a tal punto che ieri lo stesso Luigi Di Maio lo ha attaccato: “Sono dichiarazioni inaccettabili: noi parlamentari siamo dei privilegiati e dovremmo stare chiusi in Parlamento a lavorare. Queste sue considerazioni spero siano false ma comunque dovrebbero indurlo a dimettersi”. Lo farà? Difficile. Più probabile che venga espulso dal gruppo parlamentare M5S.

Fronte bipartisan – In questa vicenda, però, c’è un risvolto ancora più grottesco di quanto già detto sinora: Mura non è, ahinoi, il vero recordman dell’assenteismo. A scorrere la lista di OpenPolis, infatti, scopriamo che c’è chi ha fatto peggio (e meno) delle otto presenze su 220 sedute. E il fronte, manco a dirlo, è bipartisan. Non si può non citare, infatti, la leader degli animalisti, Michela Vittoria Brambilla, che si è vista in Aula a Montecitorio solo una volta. Esattamente come un altro pentastellato, Leonardo Salvatore Penna. Al terzo posto ancora una Cinque stelle: Iolanda Nanni, che ha collezionato sei presenze (2,73% del totale). Il fronte degli assenteisti, però, come detto non conosce colore politico. E così, dopo Mura, abbiamo Piero Fassino (17 presenze), l’ex grillino Andrea Cecconi (18) espulso dal Movimento dopo la vicenda “rimborsopoli”, Erasmo Palazzotto di LeU (24), Carolina Varchi e Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia (rispettivamente 25 e 32 presenze su 220). Eppure, l’articolo 48 del regolamento della Camera e l’articolo 1 comma 2 di quello del Senato, sono chiari: deputati e senatori hanno il dovere di partecipare alle sedute dell’Aula. Ma a questo punto la domanda nasce spontanea: come andranno le cose a Palazzo Madama? Se si può, anche peggio. Al di là dei senatori a vita (il più presente è Mario Monti con 37 presenze su 201 sedute, segue Liliana Segre con una), spiccano soprattutto gli onorevoli di Forza Italia, a cominciare da Paolo Romani: l’azzurro, che Berlusconi voleva addirittura presente del Senato, ha partecipato alla seduta una sola volta. Anche peggio ha fatto Giacomo Caliendo: mai presente in Aula (14 volte risulta in missione). Segue l’avvocato Niccolò Ghedini, in Aula solo 16 volte su 201 (il 7,96% del complessivo), e la fedelissima berlusconiana Licia Ronzulli, che ha totalizzato 25 presenze.

Medaglie d’oro– Ovviamente agli assenteisti corrispondono anche i tanti super presenti. Addirittura alla Camera sono 90 i deputati che non hanno saltato nemmeno una seduta (uno ogni sette). A Palazzo Madama sono 72 (ogni ogni quattro) coloro che non si sono scollati mai dalla poltrona. E, una volta tanto, lo diciamo in senso positivo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA