Non se ne può più delle repliche

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Di Marco Castoro

Cara vecchia tv, i tuoi 60 anni li dimostri tutti. D’accordo che i telespettatori che ti guardano nei pomeriggi ferragostani sono in gran parte tuoi coetanei, tuttavia non se ne può più di vedere ogni estate sempre gli stessi film in bianco e nero. Che non ti fanno più venire neanche la nostalgia di dire “era meglio quando si stava peggio”. Pure il vecchio telespettatore si è rotto le scatole dei palinsesti estivi pieni zeppi di repliche. Meglio la radio. Tiene più sveglio il cervello. Ma l’estate sta finendo. Peccato, verrebbe da dire, se non fosse per il fatto che si aspetta con ansia l’arrivo di settembre per vedere finalmente nuovi programmi e per farla finita con tutte le repliche che nei mesi di luglio e di agosto hanno tartassato il telespettatore. Comunque non tutte le repliche sono pallose. Ce ne sono alcune che ancora fanno il pieno di ascolti. Grazie a personaggi che bucano il video e che sono diventati delle vere icone per il pubblico a casa. Il commissario Montalbano, ad esempio, non perde colpi. Anche lunedì sera la replica di un episodio proposta da Rai1 ha vinto al sfida degli ascolti. Ha conquistato 4 milioni 646milaspettatori, realizzando uno share del 23,06%. Ma ci sono anche repliche che i telespettatori si sono stufati di vedere. Soprattutto se si tratta di vecchi film in bianco e nero, distanti anni luce dagli anni che stiamo vivendo. Rai3 continua a prendere schiaffi con i cult movie che manda in onda. Soprattutto in prima serata. Poveri ma belli, con Marisa Allasio e Renato Salvatori, è stato visto da 900.000 spettatori (share al 4.32%). Ha fatto peggio anche di Retequattro, che almeno per i suoi film cult ha scelto la serie di Arma Letale (il 4° ha totalizzato un ascolto di 966mila spettatori e uno share del 5.24%).

Gli anni Sessanta sono troppo lontani
Non si pensi che vedere la recluta Gianni Morandi in ginocchio dalla fidanzata o Totò e Peppino diano la carica per restare incollati davanti al video. Probabilmente nemmeno lo stesso Morandi ama rivedersi in quelle pellicole. Poco conta se fanno ancora il 6% di share. Molti usano questi film come ninna nanna per il pisolino pomeridiano. E mamma Rai non ci fa certo una bella figura!

Colombo fa Scuola alla Polizia
L’impareggiabile Peter Falk nell’impermeabile del tenente Colombo appassiona sempre. Seppure l’episodio in questione avrà raggiunto il centesimo passaggio in tv. Nel preserale funziona ancora. Lo segue chi non ne vuole sapere con i quiz. Domenica scorsa ha ottenuto un ascolto di 794.000 telespettatori, per uno share del 4,59%, permettendo a Retequattro di fare meglio di Italia 1 che alla stessa ora ha mandato in onda Scuola di Polizia 5: Destinazione Miami (776.000).

La signora in giallo non muore mai
Un personaggio che piace al pubblico di casa è La Signora in giallo, la serie che vede Angela Lansbury nel ruolo della scrittrice e detective dilettante Jessica Fletcher, che va in onda dal 1984. La detective più ficcanaso della tv fa ancora ascolti da far rosicare perfino il commissario Rex.