Nuovo scontro nel Governo sul salva-Roma. La Lega annuncia il ritiro della norma, ma i ministri M5S smentiscono

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Giallo sull’attesissimo consiglio dei ministri di stasera, in cui all’interno del decreto Crescita si sarebbe dovuto discutere anche del salva-Roma, la norma pro-Capitale tanto osteggiata dalla Lega. Dopo vari rinvii, infatti, si tiene il Cdm all’assenza di Luigi Di Maio, impegnato in alcune interviste televisive, e alla presenza invece di tutti i ministri leghisti, a cominciare da Matteo Salvini, ma anche Giancarlo Giorgetti. Il Carroccio non diserta il consiglio dei ministri, nelle ore in cui è scontro aperto con il Movimento 5 stelle sul caso di Armando Siri. Per i grillini, invece, c’è solo la ministra del Sud, Barbara Lezzi, e quello dei Beni culturali, Alberto Bonisoli.

Lo scontro sarebbe più acceso di quanto si pensi. Prima del consiglio dei ministri, infatti, Salvini ha annunciato: “Il Salva Roma è fuori dal dl crescita”. Il provvedimento sarà ad hoc per tutti i comuni. “Quando si parla di crescita è importante esserci”. Lo stralcio del “salva Roma” dal decreto “l’ho concordato con chi c’era”. Lo afferma il vicepremier leghista facendo riferimento alle diverse assenze registrate tra i membri del governo M5S in cdm. Ma i grillini smentiscono Salvini. “Non è ancora stato discusso il dl Crescita – riferiscono fonti M5S – dunque non si è potuto stralciare nulla, meno che meno il salva-Capitale”.

Secondo fonti governative, l’inghippo starebbe nel fatto che all’ordine del giorno del Cdm non ci sarebbe il decreto crescita, in queste ore ennesimo oggetto di conflitto tra M5s e Lega, ma sarà comunque sul tavolo della riunione dell’esecutivo e verrà esaminato a margine del Consiglio,comunque, perché già approvato il 4 aprile scorso con la formula “salvo intese“. Solo per questo motivo, assicurano dalla maggioranza, non figura all’ordine del giorno.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA