Obama alza il tiro sui jihadisti: “L’Isis non vincerà”. Ma intanto i foreign fighter si moltiplicano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Obama promette, ancora una volta, di sconfiggere i jihadisti. Il presidente degli Stati Uniti lo ha ribadito durante un summit delle Nazioni Uniti sul terrorismo. Nella riunione Obama ha scandito la necessità di mettere a punto un’efficace strategia di counter terrorismo, cosa che fino ad oggi gli Stati Uniti non sono riusciti a fare, se non con risultati non troppo incoraggianti. La visione di Obama è comunque ottimista. “In Iraq e Siria l’Isis è circondato da forze che vogliono distruggerlo e abbiamo visto che può essere sconfitto sul campo di battaglia”, sostiene, aggiungendo però che servono “un governo e un Paese che lavorano in coordinamento con la coalizione”. Intanto, però, non accenna invece a diminuire il numero di foreign fighter. Secondo il segretario delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, c’è stato “un aumento del 70%” e gli uomini arrivano “da oltre cento Paesi”.
 

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA