Ogni mondo è paese. E così in Brasile per evitare guai con la giustizia l’ex presidente Lula viene nominato ministro nel governo Rousseff

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ogni mondo è paese. Ed ecco così che spostando lo sguardo verso il Brasile spunta la nomina a ministro dell’ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva. Cosa c’è di strano direte. Si dà il caso che Lula risulta indagato col sospetto di aver intascato tangenti dal colosso petrolifero Petrobras. Tanto vale quindi non correre rischi. E presto detto è arrivata l’entrata nel governo Rousseff che diventa così ministro della Casa civile, un superministero a cui spetta il coordinamento dell’attività di governo. Lula, 70 anni, un ex sindacalista del Partito del lavoratori e amico personale dell’ex presidente. E così risulta essere il primo ex presidente a diventare ministro nella storia recente del Brasile.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra i 5S e il ponte

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA