Oltre 600 sindaci a Milano alla marcia contro l’odio. Segre: “Guardiamoci da amici. L’odio si combatte anche tenendo viva una memoria condivisa”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Un ringraziamento al sindaco di Milano e amico, Giuseppe Sala, a quello di Pesaro Matteo Ricci, al presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, e a tutti i più di 600, forse mille sindaci che hanno risposto da ogni parte d’Italia e sono venuti qui con le loro fasce tricolori. Non a rappresentare un partito o uno schieramento, ma un sentimento civico, senza colore politico, uniti oggi in questa alleanza trasversale”. E’ quanto ha detto la senatrice a vita e testimone della Shoah, Liliana Segre, ringraziando il grande numero di sindaci che hanno partecipato oggi alla marcia “L’odio non ha futuro” organizzata, a Milano.

“Io ho conosciuto l’odio – ha detto la Segre -, io ho visto come sono diventata un rifiuto della società civile alla quale pensavo di appartenere. Ho sentito le parole dell’odio. E poi ho visto la messa in opera di quell’odio. Stasera da madre guardo tutti i figli con la fascia tricolore e i cittadini venuti qui a gridare ‘basta odio, parliamo d’amore'”.

“Lasciamo l’odio agli anonimi della tastiera. Guardiamoci da amici. L’odio – ha detto ancora la senatrice a vita – si combatte anche tenendo viva una memoria condivisa delle tragedie che le generazioni passate hanno patito proprio a causa della predicazione dell’odio. E’ nell’oblio della nostra storia che passa il messaggio dell’indifferenza. Stasera non c’è indifferenza, ma c’è un’atmosfera di festa. Cancelliamo tutti insieme le parole ‘odio’ e ‘indifferenza’ e abbracciamoci in una catena umana che trovi empatia e amore nel profondo del nostro essere uomini e donne giusti, forti e liberi nelle loro scelte di vita”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA