L’Oms eleva la minaccia Coronavirus a livello “molto alto”. Sono 24 i casi esportati dall’Italia in 14 paesi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La minaccia per l’epidemia di Coronavirus al livello mondiale è stata elevata a livello “molto alto”. E’ quanto ha detto il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, nel corso del briefing a Ginevra dedicato all’emergenza. “Da ieri – ha aggiunto – abbiamo registrato i primi casi di contagi in Danimarca, Estonia, Lituania, Paesi Bassi, Nigeria. Tutti questi casi hanno legami con l’Italia. 24 casi sono stati esportati dall’Italia in 14 paesi, 97 casi sono stati esportati dall’Iran in 11 paesi”.

“Abbiamo ancora la possibilità di contenere questo coronavirus – ha aggiunto Ghebreyesus, se azioni forti vengono prese per individuare i casi precocemente, isolare e curare i pazienti e tracciare i contatti”. Ghebreyesus, nel corso della conferenza, ha però riconosciuto che “la crescita continua nel numero di casi di Covid-19 e il numero di Paesi colpiti negli ultimi giorni, sono chiaramente fonte di preoccupazione”.

“Il lavoro per la ricerca di un vaccino e per delle terapie sta progredendo, oltre 20 vaccini sono in sviluppo, e si effettuano test clinici su diverse terapie. Ci aspettiamo i primi risultati in poche settimane”, ha detto ancora il numero uno dell’Oms aggiungendo comunque che “non dobbiamo aspettare vaccini o terapie, ci sono cose che ogni individuo può fare per proteggere se stesso e gli altri”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA