Parco dei Nebrodi, dopo l’attentato al presidente Giuseppe Antoci, perquisizioni nei centri d’assistenza agricola

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo l’attantato al presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci, oggi la Guardia di Finanza di Messina sta eseguendo nell’area messinese una trentina di perquisizioni in centri d’assistenza agricola che gestiscono le istruttorie per la richiesta di finanziamenti pubblici. L’operazione, che impegna una ottantina di finanzieri, interessa anche le province di Messina, Enna e Catania; è coordinata dal procuratore capo di Messina Guido Lo Forte e dal pm Antonio Carchietti.

LEGGI LA NOSTRA INTERVISTA A ENZO CICONTE: L’agguato a Giuseppe Antoci, tra la torta dei fondi Ue e la mafia che torna agricola

La sera del 17 maggio scorso, due sicari hanno sparato contro l’auto su cui viaggiava Antoci, rimasto illeso. L’agente alla guida e un’altra auto di scorta hanno risposto al fuoco mettendo in fuga gli attentatori. Secondo le indagini, l’attentato che aveva l’obiettivo di uccidere il numero uno dell’ente è opera della cosiddetta mafia dei pascoli: le famiglie di Cosa Nostra che da decenni hanno messo le mani su migliaia di ettari di terreno pubblico riuscendo a guadagnare milioni di euro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA