Pensione di invalidità, aumento dell’importo nel 2022: cosa cambia?

Pensione di invalidità
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Pensione di invalidità: ci saranno delle novità e delle modifiche previste dal Def, voluto fortemente dal Governo Draghi. Dunque, si aspettano aumenti significativi ed importanti.

Pensione di invalidità, aumento dell’importo nel 2022

Tra i punti previsti dal Def, è previsto l’adeguamento degli importi delle pensioni di invalidità, il cui valore per il 2022 è pari a 291,98 euro. L’obiettivo è recepire le indicazioni fornite dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 152 del 2020, la quale ha precisato che l’assegno mensile percepito attualmente dagli invalidi è inadeguato.

In seguito alla sentenza della Corte Costituzionale, dunque, con il decreto n. 104/2020 è stato esteso il cosiddetto incremento al milione a tutti gli invalidi civili dai 18 anni di età e non più solamente ai soggetti sopra i 60 anni. Per tutti, dunque, è previsto un aumento della pensione percepita, purché in possesso di specifici requisiti di reddito.

Cosa cambia?

Dopo l’adeguamento comunicato dall’Inps con la circolare n. 197 del 23 dicembre 2021, è in arrivo quindi un nuovo aumento di cui non si conoscono ancora le modalità e i criteri. La ministra Stefani ha fatto riferimento esclusivamente all’importo base, che quindi sarà aumentato a prescindere dall’incremento al milione.

Secondo l’incremento al milione, l’assegno riconosciuto passa da 286,81 euro a 651,51 euro, fermi restando i requisiti di reddito, individuale e coniugale. Chi non è in possesso dei requisiti ha continuato a fruire della prestazione base (286,81 euro per il 2020).

Leggi anche: Pensione maggio 2022, quando viene pagata alle poste o sul conto corrente?