Per Crisanti siamo già nei guai. Serve un nuovo lockdown come quello di Codogno. “Il 20% dei contagiati presenta la variante inglese e la percentuale è destinata ad aumentare”

ANDREA CRISANTI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Piuttosto che pensare a sciare e mangiare fuori, anche in Italia dovremmo decidere un lockdown come è stato un anno fa a Codogno. Ormai le zone rosse non bastano più”. E’ quanto ha detto a La Stampa il virologo Andrea Crisanti, commentando le parole del consigliere del ministro Speranza, Walter Ricciardi (leggi l’articolo). “Gli impianti di sci non riaprono? E vorrei vedere! Il 20% dei contagiati – spiega l’esperto – presenta la variante inglese e la percentuale è destinata ad aumentare. Bisognava fare il lockdown a dicembre, prevenendo tutto questo, mentre ora siamo nei guai. Come se ne esce? Con un lockdown duro subito per evitare che la variante inglese diventi prevalente e per impedire che abbia effetti devastanti come in Inghilterra, Portogallo e Israele”.

“Va chiuso tutto – aggiunge Crisanti – e va lanciato un programma nazionale di monitoraggio delle varianti. Dove si trovano le varianti brasiliana e sudafricana servono lockdown stile Codogno, non le zone rosse che sono troppo morbide. Gli sviluppi dipenderanno dalla dinamica del contagio, ma se va come all’estero ci sarà un’impennata importante a fine febbraio. D’altra parte, all’estero sono molto prudenti. La Germania continua il lockdown, la Francia pure, l’Inghilterra anche, solo noi pensiamo a sciare e a mangiar fuori. Tutti vogliamo una vita normale , ma non si realizza se non si controlla la pandemia. Il rischio attuale è la diffusione della variante inglese, che se non si ferma subito aumenterà di molto la circolazione del virus e di conseguenza il rischio ulteriore di altre varianti, tra cui alcune che potrebbero resistere ai vaccini”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA