Le varianti e lo spettro del lockdown. Dopo Ricciardi anche per Cartabellotta e Mastroianni servono misure più stringenti per raffreddare la curva

WALTER RICCIARDI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Al ministro ho sottoposto la necessità di proporre al Governo tre cose, anche alla luce del problema delle varianti: lockdown breve e mirato per 2, 3 o 4 settimane. Tornare a testare e tracciare; vaccinare a tutto spiano”. E’ quanto ha ribadito al Messaggero il consulente del ministro Speranza, Walter Ricciardi, che già ieri aveva accennato alla possibilità di un nuovo lockdown per raffreddare la curva e riportare l’incidenza al di sotto dei 50 casi per 100mila abitanti. (leggi l’articolo).

“Ora più che mai serve la massima attenzione e bisogna stare molto accorti e valutare misure più stringenti e anche l’idea di un lockdown. Siamo di fronte a una settimana decisiva” ha detto all’Adnkronos il direttore del Dipartimento di Malattie infettive del Policlinico Umberto I di Roma, Claudio Mastroianni. “Non voglio entrare nella discussione – ha aggiunto commentando le parole di Ricciardi -, ma siamo in una situazione preoccupante”.

Chiudere tutto per due settimane “significherebbe abbassare la curva per poter riprendere il tracciamento” , è il parere del presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta. “La mia preoccupazione – ha detto l’esperto a Radio Cusano Campus – però è legata al fatto che non tutte le regioni siano pronte all’attività di testing e tracciamento. Dobbiamo decidere se siamo disponibili ad accettare una restrizione maggiore per abbassare la curva, oppure se accettiamo di avere un 2021 che andrà avanti con stop&go”.

Cartabellotta si è detto d’accordo con la richiesta di lockdown generale avanzata da Ricciardi aggiungendo che “immaginare che la somministrazione del vaccino possa far migliorare la situazione è molto difficile, sia per i tempi sia per l’incognita varianti”. “L’obiettivo – ha concluso il presidente di Gimbe – dovrebbe essere far circolare il virus meno possibile e non abbassare il carico sugli ospedali, tutti i Paesi invece hanno scelto la seconda via”.