Pierdavide Carone: fidanzata, figlio, tumore, malattia e Sanremo con Lucio Dalla

pierdavide carone
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chi è Pierdavide Carone, il cantautore italiano si è esibito sul palco dell’Ariston al Festival di Sanremo con Lucio Dalla.

Pierdavide Carone: biografia, carriera e Sanremo con Lucio Dalla

Pierdavide Carone è nato a Roma il 30 giugno del 1988 e ha trascorso la sua infanzia vivendo in provincia di Taranto. Il cantautore italiano ha raggiunto il successo nel 2010, dopo aver partecipato al talent show Amici di Maria De Filippi. Al talent Mediaset, arrivò terzo e vinse il premio della critica giornalistica. In seguito alla partecipazione ad Amici, ha pubblicato diversi album e singoli di successo.

Nel 2012, l’artista ha partecipato al Festival di Sanremo, esibendosi insieme a Lucio Dalla e posizionandosi quinto in classifica generale.

La partecipazione al 62esimo Festival di Sanremo di Carone in coppia con Lucio Dalla è stata annunciata il 15 gennaio del 2012. In questa circostanza, i due artisti hanno cantato il brano Nanì. Contemporaneamente alla rinomata kermesse musicale, il cantautore lanciò il suo terzo album, prodotto dallo stesso Lucio Dalla, che morì per un infarto 12 giorni dopo la fine di Sanremo.

Vita privata del cantautore: fidanzata, figlio, tumore e lotta contro malattia

Per quanto riguarda la sua vita privata, Pierdavide Carone ha avuto una lunga storia d’amore con la ballerina e compagna di scuola conosciuta ad Amici, Grazia Striano. Al momento, pare che il cantautore sia single. A ogni modo, è estremamente riservato rispetto alle sue relazioni sentimentali e preferisce non condividere dettagli sui social.

Il 22 maggio 2020, il cantautore ha pubblicato il singolo Forza e coraggio. Il brano è stato diffuso dopo un periodo di assenza dalla scena musicale dell’artista. Carone, infatti, ha dovuto lottare contro un tumore che è riuscito a sconfiggere dopo un ciclo di chemioterapia. Tutti i proventi ricavati dal singolo sono stati donati all’Ospedale Humanitas di Milano.