Pos obbligatorio nei negozi: da quando e per chi?

Pos obbligatorio nei negozi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Pos obbligatorio nei negozi: tra qualche mese alla possibilità di non poter rifiutare pagamenti elettronici si affiancherà anche la multa per chi si sottrarrà ad accettare carte di credito e bancomat.

Pos obbligatorio nei negozi: da quando

Tra non molto per i negozi sarà obbligatorio accettare i pagamenti tramite carte di credi e bancomat. In realtà l’obbligo dell’utilizzo del Pos è già in vigore dal 2014 ma da giugno 2022 entrerà in gioco anche la multa per i titolari degli esercizi commerciali che si rifiuteranno di accettare pagamenti elettronici.

La multa prevista è di 30 euro e una maggiorazione del 4% dell’operazione non accettata. Le forze dell’ordine faranno controlli a tappeto per identificare i negozianti che accettano solo transazioni in contanti.

Per chi sarà obbligatorio

Gli esercizi commerciali che dovranno munirsi obbligatoriamente del Pos entro giugno per non rincorrere in multe sono:

  • commercianti
  • artigiani
  • attività di ristorazione
  • professionisti che esercitano in proprio e hanno un rapporto diretto con il cliente (ad esempio: avvocati, notai, commercialisti, medici)
  • attività ricettive come hotel, B&B e agriturismi.

L’obbligo di Pos è stato introdotto per la prima volta nel nostro Paese nel 2012 dal Governo Monti e risale al Decreto Crescita 2.0 (Decreto-legge 179/2012, articolo 15, comma 4). All’obbligo dell’utilizzo poi è arrivata la possibilità della multa. Con il Governo Draghi si è tornato a parlare di sanzioni per i commercianti che non fanno utilizzare il Pos ai consumatorie. Una scelta, questa, che se da un lato vuole facilitare la vita ai consumatori, dall’altro persegue l’obiettivo di combattere l’evasione fiscale.

Leggi anche: Buoni spesa 2022, quando arrivano e come si possono spendere? Tutte le novità