Prezzo del gas in calo del 35%: costi più bassi nella bollette di febbraio

Prezzo del gas è in diminuzione e dunque è possibile che nelle bollette di febbraio possa esserci un calo dei costi.

Prezzo del gas è in diminuzione in questo inizio del nuovo anno. Dunque, si potrebbe registrare un calo importante dei costi nelle bollette dei consumatori nel mese di febbraio. Novità anche per quanto riguardo l’energia elettrica. Inoltre, è stato confermato il bonus sociale per le bollette per il primo trimestre 2023, ampliato per i nuclei familiari con Isee fino a 15mila euro.

Prezzo del gas in calo del 35%: costi più bassi nella bollette di febbraio

Prezzo del gas in calo del 35%

In queste prime settimane del 2023, il prezzo del gas è in diminuzione. Il Ttf di Amsterdam, indice di riferimento per le quotazioni della fonte energetica, ha fatto registrare il dato più basso dall’inizio di dicembre 2021 a questa parte (53 euro al megawattora), salvo poi stabilizzarsi intorno ai 60 euro. Un valore comunque più basso del 25% rispetto a quello del gas nei primi giorni del 2023, quando si assestava attorno ai 77 euro/Mwh.

Le attuali quotazioni del prezzo del metano dovrebbero “avere come conseguenza l’abbassamento delle bollette anche del gas”, ha dichiarato infatti Gilberto Pichetto Fratin nel suo intervento a margine del convegno di Confindustria Energia ‘Infrastrutture energetiche per una transizione sicura e sostenibile’. “C’è stato un primo passaggio sull’elettrico, ora dovrebbe esserci anche sul gas”.

Costi più bassi nella bollette di febbraio

A febbraio, il calo del costo del metano nelle bollette italiane dovrebbe essere del 35% rispetto allo scorso dicembre, quando il prezzo era stabile intorno ai 116,8 euro/Mwh. Dunque, buone notizie per i consumatori che potrebbero avere una boccate d’ossigeno nelle prossime settimane.

Per quanto riguarda l’energia elettrica, continua il calo dei prezzi, anche se gli effetti si faranno sentire da aprile, al prossimo adeguamento Arera (trimestrale). Secondo Nomisma Energia la tariffa elettrica dal 1° aprile e per tutto il secondo trimestre si assesterà infatti al prezzo di 42,1 centesimi al kWh: 11 centesimi in meno rispetto al valore del 1° gennaio 2023, con un calo del 21% e una variazione di spesa annua per una famiglia media che consuma 2.700 kWh pari 297,8 euro in meno.

Leggi anche: Sciopero, i benzinai non si fidano della Meloni

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram