Primo attacco Usa vicino Baghdad

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Colpiremo i santuari dell’Isis in Siria: lo ha detto il capo del Pentagono, Chuck Hagel, nel corso di un’audizione davanti al Senato americano. I raid aerei americani, ha spiegato Hagel, “colpiranno i santuari siriani dello stato islamico, come i centri di comando e quelli logisitici, oltre alle infrastrutture” che sono in mano agli estremisti.

Il capo del Pentagono ha ribadito che “gli Stati Uniti non coopereranno col regime siriano di Bashar al-Assad” e reso noto che “i raid Usa sulle postazioni Isis in Iraq sono stati gia’ piu’ di 160, spiegando come i bombardamenti siano serviti a indebolire le forze degli estremisti e a dare piu’ tempo al governo di Baghdad di costruire una coalizione piu’ ampia”.

Intanto gli Usa aprono agli attacchi di terra: la vera novità arriva dalle parole del capo di stato maggiore americano, il generale Martin Dempsey, che per la prima volta evoca un possibile intervento delle truppe di terra.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA