Procure nel caos, altri due giudici lasciano Palazzo dei Marescialli. Il Csm: “Basta ombre, serve autoriforma”. Cascini: “Momento drammatico, è come la P2”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“E’ una vicenda che ci chiama in causa tutti e che impone a tutti un serio, profondo, radicale percorso di revisione critica e autocritica, di riforma e autoriforma dell’autogoverno, dei metodi di selezione delle rappresentanze, dell’etica della funzione”. E’ quanto sottolinea un documento approvato dal plenum del Csm all’unanimità e proposto da tutti i togati e i laici (esclusi i consiglieri autosospesi) in merito alle inchieste e ai veleni che hanno investito le procure.

“La delicatezza della situazione – prosegue il documento – impone di eliminare ogni ombra sull’istituzione di cui siamo componenti, che deve essere e apparire assolutamente indipendente. Non possiamo accettare comportamenti, non importa se penalmente irrilevanti, che gettino discredito sull’Istituzione in cui si incarna la magistratura italiana”.

“Sin da ora – si legge ancora nel documento approvato dal plenum del Csm – vogliamo sottolineare che quanto è emerso è indicativo di comportamenti da cui intendiamo con nettezza prendere le distanze. Non ci riconosciamo in condotte che cercano consensi”.

Nel frattempo, sull’onda dell’inchiesta della Procura di Perugia, in cui è rimasto coinvolto l’ex consigliere del Csm Luca Palamara, indagato per corruzione, oggi si sono sospesi dal Consiglio superiore della magistratura anche Gianluigi Morlini e Paolo Criscuoli. Ieri si era dimesso il togato Luigi Spina e si erano autosospesi i consiglieri Corrado Cartoni e Antonio Lepre.

Il togato di Area, Giuseppe Cascini, ex pm nella Capitale evoca la P2: “Il momento che stiamo vivendo, come Csm e come Istituzione giudiziaria, è particolarmente grave, forse il più drammatico della storia del Consiglio Superiore della Magistratura. L’unica vicenda che mi pare assimilabile, sotto più aspetti, a quella che stiamo vivendo in questi giorni è quella dello scandalo P2 dei primi anni ’80 del secolo scorso”.

“Abbiamo bisogno del sostegno del vicepresidente Ermini – ha aggiunto – che ha gestito con fermezza e autorevolezza questa difficile fase ma soprattutto abbiamo bisogno del sostegno e dell’aiuto del presidente della Repubblica al quale chiediamo di non lasciarci soli in questo drammatico momento”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA