Quanto puzza la spazzatura romana

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sette persone sono state arrestate questa mattina dai carabinieri del Noe nell’ambito dell’inchiesta sulla gestione dei rifiuti del Lazio. A finire in manette anche Manlio Cerroni, il proprietario dell’area della discarica di Malagrotta, e Bruno Landi, l’ex presidente della Regione Lazio. Per loro l’accusa è quella di associazione per delinquere finalizzata al traffico di rifiuti.

Agli arresti domiciliari, oltre a Cerroni e Landi, sono finiti anche i manager Luca Fegatelli, Francesco Rando, Piero Giovi, Raniero de Filippis e Pino Sicignano. Le accuse contestate dalla Procura di Roma sono, a seconda delle singole posizioni, quelle di associazione per delinquere finalizzata al traffico di rifiuti e truffa. L’ordinanza è stata eseguita dai carabinieri del Noe.