Radio Maria, dal Vangelo secondo Matteo… Salvini. Scambio di amorosi sensi tra padre Fanzaga e il devoto padano

Radio Maria Livio Fanzaga
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Padre Livio Fanzaga è una star del web. Le sue esternazioni complottiste sul fatto che il Covid avrebbe una “origine non casuale” e che “mi ha inoltre fatto pensare il fatto che proprio l’Occidente sia la parte del mondo più colpita di altre”, hanno reso gioioso il pubblico dei social adeguatamente predisposto con i popcorn. Notizia bomba! Forse gliel’ha detta la Madonna di Medjugorie e noi non lo sapevano.

Radio Maria, dal Vangelo secondo Matteo… Salvini

Infatti il direttore di Radio Maria è in diretto contatto con lei e si premura di rigirare ogni mese i suoi messaggi “come ad altre personalità”. Oddio, chi saranno i malcapitati? E poi l’affondo finale: “Il prossimo futuro sarà radicalmente diverso da quello che l’élite mondiali immaginano e progettano”. Attente élite che arriva il castigamatti Fanzaga! Ma riavvolgiamo il nastro. Salvini aveva detto: “Per far conoscere i referendum sulla giustizia mi appoggerò a Radio Radicale ma anche a Radio Maria”.

Leggi anche: Il video di Salvini che dice che non parla della Madonna per rimediare voti (ma certamente).

Cioè il leader della Lega vuole utilizzare due media che, per restare in tema, sono come il diavolo e l’acqua santa. Però il padano danza da secoli sui compromessi e le bizzarrie linguistiche. Non era forse lui che aveva detto che da giovane era stato un “comunista padano”? Che importa se ora flirta con le destre mondiali, lui è “anche” comunista e al bisogno gli si allungano i capelli sulle spalle come il mitico Che Guevara. Da qualche anno poi Salvini, mentre cavalcava nei pressi dei laghi alpini, libero e bello come un elfo meloniano, ha visto improvvisamente una luce ed è caduto dalla cavalcatura.

Scambio di amorosi sensi tra padre Fanzaga e il devoto padano

È allora che ci deve essere stata la conversione sulla via di Medjugorie. E fu tutto un florilegio di rosari, collanine, vangeli, sai e chi più ne ha più ne metta, tanto da far inorridire Papa Francesco che in teoria sta proprio all’opposto di quello che dice e fa il leghista, ma tant’è. Molti hanno dubitato della sua conversione dalle ampolle pagane e padane del dio Po alla Santa Romana Chiesa. I più birichini hanno pensato che la conversione fosse un espediente per acchiappare i voti dei cattolici conservatori, ma comunque sia ora è ufficiale: non solo Matteo Salvini – che non vuole i migranti – è cattolico, ma è pure un seguace della Madonna di Medjugorie.

Papa Bergoglio a tal riguardo ebbe a definirla: “Madonna capo-ufficio telegrafico che tutti i giorni invia un messaggio” per la curiosa metodicità di luoghi ed orari a cui arrivano i messaggi celesti. Insomma il Papa stesso ha smontato il fenomeno, ma forse sia Salvini che Padre Fanzaga non lo sanno oppure lo sanno, ma fanno i finti tonti. Resta il fatto che l’endorsement mariano non dovrebbe rendere molto felici i compagni di referendum di Salvini, e cioè i radicali, che sono notoriamente mangiapreti e laici.