Referendum 2022, quorum: cos’è e che succede se non viene raggiunto?

Referendum 2022, quorum: cosa significa, quanto è importante e come è previsto questo termine nella Costituzione Italiana.

Referendum 2022, quorum: ecco cosa significa e quanta importanza ha nella chiamata alle urne degli italiani domenica 12 giugno 2022. Gli ultimi sondaggi prevedono che il numero necessario degli aventi diritto al voto difficilmente si raggiungerà.

Referendum 2022, quorum: cos’è e che succede se non viene raggiunto?

Referendum 2022, quorum: cos’è

Per il Referendum sulla giustizia del 12 giugno 2022, sarà necessario raggiungere il cosiddetto quorum. Di cosa si tratta? Sul sito del Ministero dell’Interno viene riportato l’etimologia ed il significato. “Il termine deriva dal latino, nello specifico dal gerundio del verbo refero (refers, retuli, relatum, referre) che tra i suoi numerosi significati annovera anche quelli di riferire, riportare, rispondere.
Il termine quorum, anch’esso di chiara provenienza latina, deriva dalla frase “quorum maxima pars” e sta a significare il numero legale, la maggioranza, istituti ancora oggi fondamentali negli organi e nelle decisioni collegiali”.

L’articolo 75 della Costituzione introduce il concetto di quorum: “E` indetto referendum popolare per deliberare l’abrogazione, totale o parziale, di una legge o di un atto avente valore di legge, quando lo richiedono cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali”.

Che succede se non viene raggiunto?

Dunque, cosa succede se domenica 12 giugno non si dovesse raggiungere il fatidico quorum? Un referendum viene considerato valido solo se raggiunge il quorum della maggioranza assoluta, che corrisponde al 50% + 1 dei votanti. I referendum abrogativi sono disciplinati dall’articolo 75 della Costituzione: “La proposta soggetta a referendum è approvata se ha partecipato alla votazione la maggioranza degli aventi diritto, e se è raggiunta la maggioranza dei voti validamente espressi”.

Se tali numeri non vengono raggiunti, la votazione non può avere effetto sulla legislazione. Dunque, il mancato raggiungimento del quorum non permette anche ad un referendum che vede i sì prevalere sui no di entrare in vigore. In pratica, se domenica 12 giugno 2022 non si raggiungesse il quorum necessario, non cambierebbe nulla rispetto ad oggi. Finora in Italia il quorum è stato raggiunto in 39 quesiti referendari su 67. Ma dal 1997 a oggi non è stato raggiunto quasi mai: solo nel 2011 la partecipazione ha riguardato la maggioranza degli elettori.

Leggi anche: Referendum 12 giugno 2022, si o no: la posizione dei partiti

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram