Renzi ha dubbi sulla tenuta della maggioranza. “Spero regga. Vogliamo fare delle proposte e non delle polemiche”. La replica di Orlando: “Chiediamoci se andare al voto è utile al Paese e abbassiamo i toni”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Non lo so se questo governo reggerà, spero di sì ma non lo saprei dire, perché ho visto litigate sul niente in questa settimana. A me pare che la situazione si stia ingarbugliando, fossi il presidente del Consiglio e ministri cercherei di trovare soluzioni e lavorare. Questa è la nostra proposta: nessun aumento delle tasse e fare partire questo piano Italia Shock per i cantieri. Vogliamo fare delle proposte e non delle polemiche”. E’ quanto ha detto il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, intervenendo a Fatti e Misfatti su Tgcom24.

“Penso che sia un errore andare a votare – ha detto ancora l’ex premier -, abbiamo fatto il governo per evitare l’aumento dell’Iva e l’aumento delle tasse e per evitare che il presidente della Repubblica dal 2022 sia espressione di un fronte anti-euro. Fossi la maggioranza, cercherei di creare un clima di tranquillità per arrivare al 2022 e fare delle cose buone per gli italiani. Lo faranno? Spero di sì, ieri ho detto che c’è il 50% di possibilità di andare avanti e il 50% di andare a votare. Io non vorrei andare a votare, ma se ci costringono lo faremo. E’ un peccato ma dobbiamo prenderne atto. Questa partita è in mano al governo, a Conte e alle forze di maggioranza. Non ho nessun tipo di paura, ci mancherebbe. Si possono sbloccare 120 miliardi di cantieri? Il punto è questo, il resto sono chiacchiere”.

“Siamo tutti pronti, quello che dobbiamo chiederci è se è utile al Paese” la replica del vicesegretario del Pd, Andrea Orlando. “Abbiamo un governo – aggiunge il dem – capace di chiudere il capitolo della manovra che evita alle famiglie l’aumento dell’Iva: l’utilità per il Paese tra qualche giorno sarà percepita. Abbassiamo i toni e facciamo lavorare l’ingegno”.