Renzi indica la via per il Colle: scheda bianca alle prime tre votazioni, poi un nome soltanto. Il segretario spera condiviso con la minoranza. E fa appello all’unità Dem

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Matteo Renzi indica la strada che il Pd seguirà per le prossime elezioni del Capo dello Stato. Scheda bianca alle prime tre votazioni, poi un solo nome.  “Crediamo nel Pd, luogo di discussione”, avrebbe affermato Renzi ai suoi, “chi non condivide il nome del candidato alla presidenza della Repubblica dovrà dirlo apertamente”. Dovrebbero essere tre i nome su cui si aprirà il dibattito interno. Poi uno soltanto da portare in Aula. Comincia così con i gruppi  dei deputati Pd una prima riunione, cioè, in vista dell’elezione del presidente della Repubblica. Subito dopo si terrà la riunione dei senatori dem. Poi da domani Renzi, accompagnato da una delegazione dem, incontrerà le ‘rappresentanze’ degli altri partiti. Renzi prova così a ricompattare i suoi. Con tanto di appello all’unità. Dalla minoranza per ora si muovono con prudenza. Mentre le votazioni per il Quirinale inizieranno giovedì.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA