Caso Genovese, la Camera dice sì all’arresto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

La Camera ha votato sì a maggioranza all’arresto del deputato Pd Francantonio Genovese. La proposta favorevole alla misura cautelare in carcere, presentata dalla Giunta per le Autorizzazioni di Montecitorio, ha ottenuto 371 voti favorevoli e 39 voti contrari. Il deputato, accusato di associazione a delinquere, riciclaggio, peculato e truffa ora si costituirà a Messina, sua città di residenza.

In aula è andato in scena un nuovo scontro Boldrini-M5s: il deputato Alessio Villarosa, nel suo intervento sul caso Genovese, si è rivolto alla presidenza e alla maggioranza, accusandoli di strumentalizzare i nomi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino: “Vergognatevi”, è l’intimazione del grillino. “La smetta”, lo richiama Boldrini, prima di lasciargli concludere l’intervento tra le urla provenienti soprattutto dai banchi del Pd.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA